Dal 2 al 6 febbraio la terza edizione del Festival invernale organizzato dal Festival di Lubiana

Details

Sabato 2 febbraio alle 19, Sala Marjan Kozina, Filarmonica slovena

Il concerto inaugurale “Silenzio, prego!”

Il giovane soprano israeliano Rinnat Moriah, l'attore sloveno Boris Ostan e l’Orchestra della Filarmonica slovena diretta da Gregor Mayrhofer, l'ex assistente di Simon Rattle, eseguiranno alcune opere leggendarie del Novecento composte da Strauss, Zimmermann, Xenakis e Ligeti.
Rinnat Moriah, che ha fatto il suo debutto alla Scala di Milano, collaborato con l’Orchestra reale del Concertgebouw di Amsterdam e partecipato alla stagione BBC Proms a Londra sotto la direzione del maestro Daniel Barenboim, interpreterà l’aria di Zerbinetta dall’opera Arianna a Nasso di Rischard Strauss e Mysteries of the Macabre di Ligeti.
Nella Musique pour les soupers du roi Ubu di Zimmermann si esibirà l’attore teatrale cinematografico, regista e sceneggiatore sloveno Boris Ostan, vincitore del premio della Fondazione Prešeren, il più prestigioso premio nazionale in campo artistico.

Lunedì 4 febbraio alle 19, Sala Union, Grand hotel Union

Il protagonista della seconda serata sarà José Cura, in questa occasione impegnato anche nel ruolo del direttore d'orchestra, affiancato dal soprano Elvira Hasanagić, dal mezzosoprano Monika Bohinec e dall’Orchestra sinfonica del Teatro nazionale di Maribor diretta da Simon Krečič.

Nel 2017, la città di Dresda insieme all’associazione tedesca per il supporto dei cantanti lirici, ha conferito a Elvira Hasanagić, già vincitrice di numerosi concorsi internazionali, il titolo del Giovane artista dell'anno. Monika Bohinec, solista della Wiener Staatsoper, si è esibita negli auditori quali il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, la Royal Albert Hall di Londra, la Carnegie Hall di New York, la Salle Pleyel di Parigi, la Concertgebouw di Amsterdam e la Philharmonie Gasteig di Monaco di Baviera.

6 febbraio alle 19:00, Sala Union, Grand hotel Union

La serata finale sarà nel segno del celebre gruppo a cappella The Queen's Six che insaporisce i propri spettacoli con un pizzico di umorismo.

Il sestetto vocale si è formato nel 2008 in occasione del 450° anniversario dell’ascesa al trono della regina Elisabetta I, dalla quale prendono anche il nome. Presto hanno avuto il privilegio di esibirsi al cospetto della regina Elisabetta II e di suo marito, il principe Filippo. Con la loro singolare espressione artistica, Daniel Brittain e Tim Carleston (controtenori), Nick Madden e Dominic Bland (tenori), Andrew Thompson (baritono) e Simon Whiteley (basso) si rivolgono a un ampio pubblico. Il loro repertorio supera i limiti della musica corale classica, spaziando dai primi canti liturgici alla polifonia rinascimentale, dai madrigali ai canti popolari e alla musica jazz e pop. Individualmente i membri del gruppo collaborano con vari complessi musicali, quali Tenebrae, Polyphony, The BBC Singers, The Cardinall’s Musick, Colegium Vocale Gent, The Gabrieli Consort, The King’s Consort, The Tallis Scholars e The Sixteen, esibendosi sui palchi più prestigiosi del mondo.

Date 2019